24 novembre 2007

Potaje canario


L'inverno è alle porte, l'estate ormai un ricordo lontano... E così ogni tanto mi capita di ripensare alla mia vancanza di quest'estate al sole delle Canarie. Dopo Stoccolma, infatti, me ne sono andato un po' al caldo sull'isola di Lanzarote, la più orientale dell'arcipelago situato di fronte alle coste del Marocco meridionale.


Lanzarote è un'isola molto particolare: sconquassata per sei anni da continue eruzioni vulcaniche, presenta un terreno brullo e desertico, per lo più nero e lavico. Più che per i resti storici, Lanzarote va apprezzata per il suo mare, le sue spiaggie bianche, il suo entroterra deserto (a cui non siamo certamente abituati) e il suo paesaggio lunare.



La cucina di Lanzarote e delle Canarie è piuttosto "carnea", basata sui prodotti ittici e sul consumo di capre e conigli. È possibile però approfittare anche di piatti vegetali, come le "patas arrugadas", patate al cartoccio semidisidratate, e questa ricetta che vi propongo, molto adatta a questo clima uggioso, e utile anche per sfruttare gli ultimi peperoni di stagione.


Ingredienti per 4

lenticchie 200 g
fagioli cannellini 100 g
patate 2
peperone 1
aglio 2 spicchi
semi di cumino 1 cucchiaino
origano secco 1 cucchiaino
sale marino integrale 1 cucchiaino

Tempo di preparazione: 1h + ammollo per i legumi

Mettete la sera prima i legumi in ammollo.
Sciacquateli e versateli in una pentola con un litro d'acqua. Lavate patate e peperoni. Sbucciate le patate e tagliatele a pezzi. Aprite il peperone, eliminate i semi e i filamenti interni, tagliatelo a pezzi. Sbucciate gli spicchi d'aglio. Versate tutto nell'acqua insieme ai legumi. Aggiungete il cumino e l'origano.
Portate a ebollizione e fate cuocere per circa 50'. Controllate che legumi e patate siano morbidi (tra l'altro la zuppa dovrà risultare piuttosto densa).
Aggiungete il sale, lasciate sobbollire ancora un minuto, spegnete il fuoco e servite.


Se vi capitasse di andare a Lanzarote, un buon posto dove poter mangiare vegetariano è Casa Bodegos, un ristorante che propone una cucina polacco-irlandese (!!) - il proprietario è un robusto irlandese trasferitosi a Puerto del Carmen con la moglie dell'Est - con una buona scelta di piatti unici vegetariani (c'è un menù apposito): alcuni contengono anche formaggio, panna e uova, quindi chiedete che ve li preparino senza.



Casa Bodecos
Calle Teide (vicino al porto vecchio)
Puerto del Carmen


11 commenti:

Vera ha detto...

Yari, ma perché ti diverti a postare queste foto di posti caldi e assolati mentre qui è inverno e fa freddo??
Sadico! :)

Yari ha detto...

Però la zuppa è adatta a questo clima :-)

Celidonia ha detto...

Io mi sento male solo a guardarli, posti così assolati... Però la zuppa deve essere buonissima!! :o)

Arame ha detto...

Fantaschiche le foto e la zuppa!!!

giu&cat ha detto...

Ehi, mai sei sempre in giro tu? ;)) Bacioni, Cat

Yari ha detto...

@celidonia
Pensa che per raggiungere quella spiaggia assolata che vedi ci siamo fatti un'ora di bici in andata e in ritorno nel deserto sotto il sole di metà giornata...

@arame
Grazie!

@Cat
Vabbè, ci sono andato ad agosto ;-)

Celidonia ha detto...

Bici sotto il sole a picco nel deserto?? O__o ommamma...

Yari ha detto...

Se non altro ho sintetizzato vitamina D per tutto l'inverno ;-)

mattop ha detto...

Che fortuna fare un viaggio così...
Io sono un amante del caldo e soffro da matti qui a Milano1

Bella zuppetta! Le lenticchie sono le mie preferite!

ciao

Yari ha detto...

Anche a me piacciono molto! E comunque qui a Torino non è che si stia meglio ;-)

Diego ha detto...

...veramente si chiamano "papas arrugadas",ma questa è l' impronta che gli Italiani lasciano all' estero: ignoranza ed approssimazione...