28 luglio 2007

Polpette di miglio e radicchio



Si nota che la voglia di cucinare d'estate mi passa un po'? ;-) E anche il blog ne risente, dato che non ho praticamente più pubblicato nulla di nuovo da circa tre settimane. Non mi resta che correre ai ripari e proporre un primo piatto a base di uno dei miei cereali preferiti: il miglio (sarò stato un canarino in una vita passata...). Il miglio è uno degli alimenti più ricchi di sostante minerali, nella fattispecie ferro, magnesio, fosforo e silicio. Inoltre è privo di glutine e adatto quindi ai celiaci.

Ingredienti per 4:

miglio 200 g
radicchio rosso 2 cespi
cipolla rossa 1
farina di frumento integrale 4 cucchiai
dado vegetale granulare senza glutammato 1 cucchiaio
olio extravergine d'oliva 5 cucchiai
prezzemolo 3 rametti

Tempo di preparazione 1h 05'
Stagionalità: tutto l'anno

Portate a ebollizione 400 ml circa d'acqua. Versate quindi il dado vegetale in modo da ottenere del brodo.
Nel frattempo lavate il miglio e tostatelo in padella con 1 cucchiaio d'olio. Aggiungete il brodo, riportate a ebollizione, e lasciate cuocere 15' a fiamma bassissima. Spegnete e lasciate riposare 5'.
Tagliate la cipolla a fette sottili e soffriggetela in 2 cucchiai d'olio. Tagliate il radicchio a strisce sottili e aggiungetelo alla cipolla. Lasciate cuocere a fuoco basso per 15', mescolando di tanto in tanto.
Unite quindi il miglio alle verdure, aggiungete prezzemolo e farina e mescolate per ottenere un impasto consistente. Formate delle polpette e fatele rosolare in 2 cucchiai d'olio, facendole diventare croccanti.

11 commenti:

lelli ha detto...

seguo spesso le tue ricette..posso usare altre verdure per le polpettine?ps fatto biscotti kamut,mi consigli qualche libro di dolco macro?grazie
lelli

Marta ha detto...

ciao, il miglio l'ho appena scoperto in questi tempi, proprio l'altro giorno ho preparato delle polpette di miglio con delle verdure che avevo in frigo e orto...poi li ho messi per fare dei panini, veramente molto buoni!!!solo a pensarci mi vien fame!!!
ciaoooo
Marta

Morrigan ha detto...

Yari anche a me passa la voglia de cucinà... co' 'sto caldo poi.
Ma le polpettine di miglio sono così carine, come fai a dirgli di no!
^__^

Yari ha detto...

Grazie lelli! Certo, puoi usare le verdure che preferisci, magari fare un mix di cipolle (rosse, bianche e dorate), o del cavolo cappuccio tagliato sottilmente.
C'è un libro di dolci macrobiotici, di Anneliese Wollner, "Il libro della pasticceria naturale e macrobiotica" (anche se, a mio avviso, l'autrice abbonda un po' troppo nell'utilizzo di margarina - bio, non idrogenata, naturalmente!)

Marta
Il miglio è buonissimo, si adatta molto bene anche per creare dei burger per farcire i panini!

Morrigan
Le ho fatte giusto perché ero in montagna ;-)

mattop ha detto...

Invitanti! Magari anche a temperatura ambiente per un pranzetto all'aria aperta...

Federico ha detto...

se si ritiene che per sentirsi "in pace" con la propria coscienza (ed a prescindere da davvero amene motivazioni, quali "il pese fa male", al pari de "la carne fa male!), sia giusto non utilizzare più il pesce per fini alimentari, credo sia un scelta ASSOLUTAMENTE RISPETTABILE: d'altronde è una LIBERA SCELTA di un LIBERO CITTADINO in un LIBERO STATO! Molto MENO RISPETTABILE, invece, è pretendere che il proprio prossimo FACCIA ALTRETTANTO pur non abbracciandoco questa stessa IDEOLOGIA, al punto da arrivare a definirlo quale persona "stupida, insensibile e crudele"! Un vero e proprio VELO PIETOSO va infine steso sulla MAREA DI PRETESTUOSE MENZOGNE atte ad un vero e proprio "terrorismo informativo", circa i "pericoli" legati al consumo di pesce: non foss'altro perchè QUALSIASI ALIMENTO (VEGETALE COMPRESO) può di minima esporre agli stessi presunti "rischi", PRETESTUOSAMENTE ELENCATI riguardo il consumo di pesce!

Yari ha detto...

@Matteo
Sì, ideali anche fredde ;-)

lelli ha detto...

infatti trovo anch'io il libro di anneliese un po troppo "sostanzioso",comunque grazie.ciao

Yari ha detto...

Ciao lelli, c'è anche questo libro: "i dolci naturali" di sara honegger chiari, ed. tecniche nuove. Usano in alcune ricette anche uova e burro, ma in quantità talmente minime che si possono tranquillamente omettere. Anche il latte vaccino può essere sempre sostituito da quello di origine vegetale.

Rosaria ha detto...

..ne sento già il sapore..
bellissima questa ricetta e molto utile per me che ho poca fantasia nel preparare il miglio.
La proverò
grazie
Rosaria

Yari ha detto...

Grazie Rosaria,
fammi sapere come ti vengono!