12 giugno 2007

Latte di soia


Manca ormai poco all'edizione 2007 del Vegfestival. E si vede anche dal fatto che ho davvero poco tempo per aggiornare il blog e per seguire quelli che mi piace leggere... Ma ancora un piccolo sforzo, e presto sarà tutto finito... per il meglio, spero!!

Posto velocemente uno dei miei ultimi esperimenti di autoproduzione, il latte di soia, di cui sono un notevole consumatore (non manca mai dalla mia colazione mattutina!). Di per sé la realizzazione è semplicissima, il vero problema è lo smaltimento dell'okara, la frazione granulosa di soia che rimane alla fine del processo. Io l'ho utilizzata come ingrediente per delle polpettine speziate e per delle briochine di carruba, oppure, come ha fatto Vera, per delle polpette in salsa piccante. Altre idee potete trovarle sul bel blog di Wonderzdora.


Ingredienti per 1,5 litri di latte

soia gialla 500 g

Tempo di preparazione: 30' + riposo (almeno 12 ore)
Stagionalità: tutto l'anno



Mettete in ammollo la soia la sera prima, o almeno 12 ore.
Scolatela e passatela al mixer. Ponetela poi in una pentola con circa 2 litri d'acqua. Accendete il fuoco e, una volta raggiunta l'ebollizione, cuocete per 20 minuti.
Filtrate infine il tutto, ottenendo così il latte e la famigerata okara!

8 commenti:

romina ha detto...

cavolo, non pensavo si potesse autoprodurre...pensavo fosse un processo mooolto più luongo e difficile...un po' come il pane...

mi stupisco una volta di più del mondo vegano..

un bacio,
romy

Yari ha detto...

No, è facile! Il problema è tutta l'okara che viene fuori!

Vera ha detto...

Le polpette i nsalsa piccante sono buonissime... se viene troppa okara, però, meglio congelarla. ;-)

Yari ha detto...

Non sapevo si potesse congelare. Ottima idea, la prossima volta preparerò delle polpette e le congelerò.

mattop ha detto...

Quando mi sono messo a fare il latte di soia ho impiegato parecchio tempo, ho sporcato tutta la cucina e mi sono arreso a quello industriale...

Yari ha detto...

Ahahahahah! Povero Matteo! Anch'io comunque mi sono arreso a quello industriale, per mancanza di tempo e di costanza!

Vera ha detto...

Proprio in questi giorni wonder zdora è tornata ad aggiornare il suo blog, l'argomento è proprio il latte di soia. :)

Yari ha detto...

Grazie, vado subito a leggere!